mercoledì 25 novembre 2009

La banalizzazione del male


E’ tutto nella tua testa vero?

Loro stanno morendo?

Solo nella tua testa?

Loro stanno piangendo?

Solo nella tua testa?

Loro stanno combattendo

solo nella tua testa.
E’chiaro, guarda, io sono qui,

non sono io

e nemmeno la mia famiglia,

perciò che ci frega?
Dici.
E’ solo nella tua testa!
Dici.
Ma è solo nella tua testa

che combattono, muoiono, piangono?

Sono illusioni i carri armati,

le bombe, i fucili?

E’ solo nella tua testa

maledetto zombie che non sei altro?

E’ la solita vecchia storia

da quando gli stati uniti

nella prima guerra mondiale cominciarono

a fare quello che hanno fatto.

Ma scommetto che a te

non interessa, non interessa

che anche nella tua testa loro

piangono, muoiono, combattono.

Non consideri la tua testa

ecco come fai ad essere

ipocrita, hai venduto

il tuo cervello,

zombie!

Sei diventato uno zombie,

e non ti sei nemmeno accorto.

Il tuo silenzio

indica ciò che sei.

Paoloblogger

Zombie (Cranberries)

Another head hangs lowly,
Child is slowly taken.
And the violence caused such silence,
Who are we mistaken?

But you see, it's not me, it's not my family.
In your head, in your head they are fighting,
With their tanks and their bombs,
And their bombs and their guns.
In your head, in your head, they are crying...

In your head, in your head,
Zombie, zombie, zombie,
Hey, hey, hey. What's in your head,
In your head,
Zombie, zombie, zombie?
Hey, hey, hey, hey, oh, dou, dou, dou, dou, dou...

Another mother's breakin',
Heart is taking over.
When the vi'lence causes silence,
We must be mistaken.

It's the same old theme since nineteen-sixteen.
In your head, in your head they're still fighting,
With their tanks and their bombs,
And their bombs and their guns.
In your head, in your head, they are dying...

In your head, in your head,
Zombie, zombie, zombie,
Hey, hey, hey. What's in your head,
In your head,
Zombie, zombie, zombie?
Hey, hey, hey, hey, oh, oh, oh,
Oh, oh, oh, oh, hey, oh, ya, ya-a...

8 commenti:

Guernica ha detto...

Caro...non avresti potuto postare un testo più adeguato!
Stiamo decisamente diventanto degli zombies all'ombra del potere.
Un tempo si nutrivano di ignoranza...ora di ignoranza e banale intrattenimeto.
...E tutto il resto, scorre.

Paoloblogger ha detto...

La cultura per le masse è una idiozia, diceva Gaber. Non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire dice il famoso proverbio...
Chi si accontenta gode... poco. Ma a loro va bene così, bisogna solo cercare di capire il perché. Magari si trova anche la soluzione dato i disastri da piangere ogni istante che questo provoca.
Ciao Guernica :)))

Guernica ha detto...

I perchè sono tanti...te ne dico alcuni, secondo mio modesto parere:

1-alcuni non ci arrivano proprio cerebralmente a comprendere la situazione attuale;
2-molti fanno finta di nulla e scelgono di vivere fuori dal mondo per pigrizia;
3-poi c'è l'eccessiva sensibilità.Alcuni si tengono fuori da tutto per difesa;
4-potrei citare la viglaiccheria, l'egoismo e la superficialità...
...

Ciaooo!:)

Guernica ha detto...

vigliaccheria...sorry...
Sono proprio fuori fase ehehe

-ELA- ha detto...

Testo bellissimo, ho sempre amato questa canzone, l'ho cantata varie volte, è nel mio cuore. Come dice guernica stiamo diventando degli zombie, ci vogliono far diventare degli ignoranti, vorrei che aprissero gli occhi...ciao paolo ^____^ a presto!!!

Paoloblogger ha detto...

Guernica,
io invece te ne dico uno soltatanto, secondo me è la mancanza di cuore. Persone senza cuore, che decidono di voltarsi dall'altra parte.
L'unico modo per non essere risucchiati da questo gorgo e allo stesso tempo rimanere in contatto con il tutto è tenersi fuori da tutto questo, invece i vigliacchi si appigliano a questa società perchè garantisce loro protezione e giustificazioni per il loro meschino operato. Tutti i grandi sono stati dei solitari, chiediti il perché.
Ciao Guernica :)))

Ela,
pensa mi sono ricordato della canzone ma non conoscevo il testo dato che ero un bambino quando risuonava :) Come dicevo a Guernica, non c'è più cuore nel vivere, è un sopravvivere. Gli zombie che ha creato questa società, che hanno imparato ad apparire persone buone e misericordiose, credendosi nel regno delle libertà, prima o poi crolleranno sotto il peso della loro corazza, ed io non vorrei trovarmi nella furia che si scatenerà...
Ciao :)))))))

Guernica ha detto...

La mancanza di cuore ritengo sia solo uno dei motivi.Ma non è il solo...

Io non sono una grande...ma so di essre solitaria e sola.
E' sufficiente avere idee differenti.

Paoloblogger ha detto...

Ma le idee nascono da cuore
:))))))))))))))

Ciao Guernica :))))))))))